Archivi del mese: settembre 2015

Essere e non essere

“Soffri indegno dolore e si smarrisce l’animo tuo prostrato nel delirio; come un medico inabile sorpreso dal male, t’abbandoni, e ti vien meno il rimedio che valga a risanarti.”

[Eschilo, “Prometeo“]

Era da tempo che pensavo di tornare a curiosare sui testi di canzoni di musica leggera. In particolare di guardare al tema della solitudine interiore, in ambienti geografici affollati e rumorosi, quali possono essere quelli della città, città abbastanza grande e abbastanza anonima da giustificare la sensazione di estrema solitudine e di vuoto individuale, intimo, che si ripercuote idealmente anche all’esterno, per la forza stessa del sentimento provato.
Le due canzoni che ho deciso di prendere in esame e mettere in comparazione, si esprimono in tali termini già nei loro titoli: “Solo” e “Città vuota“.
Il tema di base su cui si appoggiano i due testi è quello del rapporto sentimentale di coppia, anche se io ritengo, proprio a partire dai loro titoli, che il principale motivo portato in scena, sia quello tutto poetico, della sofferenza personale del narrante, che si racconta attraverso la rappresentazione di quadri espressivi, tratteggiati con poche studiate parole; canta la propria condizione interiore di disagio sentimentale, descrivendone la ragione ed anche i fatti più toccanti e l’inutilità di ogni ovvio rimedio, nel dover comunque andare avanti così. Le due canzoni si risolvono infine in epiloghi differenti.

Solo
di Claudio Baglioni

Lascia che sia
tutto così
e il vento volava sul tuo foulard
avevi già
preso con te
le mani, le sere, la tua allegria…
Non tagliare i tuoi capelli mai
mangia un po’ di più che sei tutt’ossa
e sul tavolo fra il thè e lo scontrino
ingoiavo pure questo addio…
Lascia che sia
tutto così
e il cielo sbiadiva dietro le gru
no, non cambiare mai
e abbi cura di te
della tua vita, del mondo che troverai…
Cerca di non metterti nei guai
e abbottonati il paltò per bene
e fra i clacson delle auto e le campane
ripetevo “non ce l’ho con te”
e non darti pena sai per me
mentre il fiato si faceva fumo
mi sembrava di crollare piano piano
e tu piano piano andavi via.
E chissà se prima o poi
se tu avrai compreso mai
se ti sei voltata indietro.
E chissà se prima o poi
se ogni tanto penserai
che son solo.
E se adesso suono le canzoni
quelle stesse che tu amavi tanto
lei si siede accanto a me sorride e pensa
che le abbia dedicate a lei.
E non sa di quando ti dicevo
“mangia un po’ di più che sei tutt’ossa”
non sa delle nostre fantasie, del primo giorno
e di come te ne andasti via…
E chissà se prima o poi
se tu avrai compreso mai
se ti sei voltata indietro.
E chissà se prima o poi
se ogni tanto penserai
che io solo… resto qui
e canterò solo, camminerò solo, da solo continuerò.

In questa prima canzone il narratore, dopo aver reso con le sue descrizioni, il sentimento di profondo affetto che lo lega alla donna, così perduta per sempre, comunica infine il dubbio, che sta accompagnando la sua vita e, di fronte alla amara constatazione della impossibilità per lui di ottenere risposta alla domanda che martella i suoi pensieri, conclude quasi tragicamente, con un quadro dall’immagine statica: la sua vita è quasi ferma, pur nel suo andare avanti, ed in totale solitudine; è un “buongiorno tristezza”, senza speranza all’orizzonte, quell’orizzonte “dietro le gru”, in cui un certo giorno, ha visto fermarsi il suo tempo migliore.

Città vuota
testo di G. Cassia

Le strade piene, la folla intorno a me
mi parla e ride e nulla sa di te
io vedo intorno a me chi passa e va
ma so che la città
vuota mi sembrerà se non ci sei tu
c’è chi ogni sera mi vuole accanto a sé
ma non m’importa se i suoi baci mi darà
io penso sempre a te, soltanto a te
e so che la città vuota mi sembrerà se non torni tu
come puoi tu vivere ancor solo senza me
non senti tu che non finì il nostro amor
le strade vuote deserte sempre più
leggo il tuo nome ovunque intorno a me
torna da me amore e non sarò più vuota la città
ed io vivrò con te tutti i miei giorni
tutti i miei giorni, tutti i miei giorni.

In questa seconda canzone, la narratrice, donna, speranza… pur non concedendo apparentemente alcuna certezza di lieto fine, pronuncia in chiusura, il suo invito accorato al suo amante, instillando viva speranza, la stessa che lei vuole provare, non cedendo alla rassegnazione ed al presente e futuro destino di tristezza, suo e della città intera, che sembra quasi essere essa stessa uno dei soggetti principali della canzone: la città partecipa alla pena del narratore e si trasforma.
Il quadro idilliaco ed invitante, prospettato dalla frase di chiusura, in forma ripetitiva, da eco, a dar maggior forza alle parole, a far sì che senta la persona a cui sono rivolte, è tutto un concentrato di desiderio non trattenuto ed a cui, sarà difficile dire di no.donnina marinaretta

Annunci

Il dovere di vivere

“Non è potere della fortuna, non è, come alcuni sciocchi credono, così facile vincere chi non voglia esser vinto: tiene giogo la fortuna solo a chi sé gli sottomette.”

[Giovan Battista Alberti, “Della Famiglia“]

Mi diletto un pochino a spendere qualche inutile parola su di un argomento da sala d’attesa: la casualità assurta a giudice della nostra vita.
Domando quanto c’è, di veramente assodato, sul fatto che l’esistenza in genere sia regolata dal caso, dominata dall’imprevedibile, nei cui confronti chiunque è impotente, a partire da noi umani? A parer mio, ben poco si sa di sicuro sul tema della fortunosità della vita, alla quale io concedo poco credito o che, per lo più, rifiuto caparbiamente. La vera ed unica incertezza che accetto coscientemente ed umanamene temo, è il mistero della dipartita; legato comunque anch’esso, al filo parallelo della virtù della speranza, fino all’ultimo istante.
Ben altro argomento è quello che riguarda se e come sia possibile avere un’influenza su quel che c’è di predestinato ovvero, sullo svolgersi dei fatti della vita; che siano essi dettati dal caso o no. Avere cioè, la capacità di stabilire noi, la piega che prenderà, ad esempio, la nostra condizione fisica, è davvero in nostro potere? Questo tema merita senz’altro molto più di una presentazione fatta di sole domande, molto più di una semplice ed unica risposta; se mai ce n’è. A mio parere, neppure un dibattito, servirebbe di contributo a formulare un’idea, chiarificante e condivisa, su ciò che rappresenta per ognuno di noi, la parola destino. Il suo significato è mutevole da individuo ad individuo e, non è identico persino secondo le stagioni e gli avvenimenti della vita di una stessa persona.
Rimango sempre molto perplessa quando il mio pensiero vaga per questi lidi e mi soffermo, sì a riflettere, ma piena di dubbi, comunque vada irrisolti. Non conosco risposte, la mia stessa vita altro non è, che una corona di punti interrogativi. Nella confusione di una sensazione di sospensione, anelo ad una qualche certezza od almeno chiarezza; mi addentro nella lettura curiosa, di quanti, esseri umani, migliori e più alti di me, nei secoli scrissero in merito, giungendo loro, a conclusioni confortanti o gelanti, a volte veri lampi di genio, soluzioni magnifiche e senza tempo, al dramma della vita.

“Io iudico bene questo, che sia meglio essere impetuoso che respettivo: perché la fortuna è donna ed è necessario, volendola tenere sotto, batterla e urtarla. E si vede che la si lascia più vincere da questi, che da quegli che freddamente procedono: e però sempre, come donna, è amica de’ giovani, perché sono meno respettivi, più feroci e con più audacia la comandano.”

[Niccolò Machiavelli, “Il Principe“]Testo Cavour


Amor patrio

“O Italiani! non obliate giammai, che il primo passo a produrre uomini grandi sta nello onorare i già spenti.”

[Giuseppe Mazzini, “Pensiero e Azione“]

La preparazione, seppur semplice, di modeste pietanze del repertorio della propria tradizione ed esperienza, simboleggia, oltre il fatto in sé, un gesto di genuino amor di patria, che, più o meno inconsapevolmente, si fonde od effonde da quell’affetto sincero, che si prova per chi ci ha lasciato – compresa in un patrimonio di ideali, di valori e ricordi – l’eredità di una ricetta di cucina di famiglia. A conferma di quanto affermo, aggiungo che, non credo sia per caso che negli scritti delle più conosciute ed esemplari figure di personaggi ed eroi del nostro risorgimento, il cibo e la mensa ricorrano citati e raccontati in più occasioni, all’interno di pagine non secondarie, memorabili, spesso venate di grande umanità e sensibilità e, a volte dettate da spirito di vera commozione.
Patriottismo quindi, nel sedersi a tavola, come nel gesto affettuoso del cucinare in genere. Non un mestiere, non solamente un compito… Parlo in termini di affetto, quando ciò significa la preparazione fedele di pietanze a me care, ispirate al ricordo del gusto buono che ne ho provato ed al contempo, alla memoria viva dei cari con i quali ho condivise le gioie del palato o meglio ancora, di coloro che me ne hanno tramandato la ricetta, seguendo una sorta di regole, soggettive ed uniche, come le persone.
Affetto e diligenza. Con costanza e disciplina e tenerezza insieme, mi metto in arnese. armata di un discreto spirito organizzativo, mi accingo alla preparazione, in apparente solitudine, viziata dall’ascolto della mia musica scelta, quando mi è possibile. In questi frangenti il lavoro mi appaga, mi regala un senso di pienezza, di profonda immersione, mi rende giustizia. La ripetizione a regola di gesti tramandatemi da chi mi onoro di imitare, in una sorta di solennità celebrativa, ha lo scopo di ottener infine un prodotto degno delle mie rimembranze, ma al tempo stesso, mi intriga e mi tenta anche la possibilità, con una timida e studiata creatività, frutto anche di esperienza personale, di inoculare del mio, ad aggiungere così una postilla alla regola, che possa entrare a far parte della tradizione, inaugurando una mia variante. Unico grande rammarico, il non avere più la possibilità di sottoporla al giudizio di chi vorrei… ma tant’è. E’ quel velo sottile di amaro e di struggente, quel sibilo addolorato che sempre e ovunque mi segue oppure mi accompagna e che in certo modo, mi forgia in più occasioni, nel mio mutevole carattere; è ciò che solo mi piega, ad inginocchiare la mia superbia ed al contempo mi forza, a rialzarmi sull’attenti ed a segnare il passo con grinta, per seguire il dovere o destino che ho: quello di vivere. Insomma, è la vita.

“…cominciando dalla minestra a dir di sì, con la bocca, con gli orecchi, con tutta la testa, con tutto il corpo, con tutta l’anima, alle frutta v’avevan ridotto un uomo a non ricordarsi più come si facesse a dir di no”

[A. Manzoni, “I Promessi Sposi“]donnina marrone


Attesa

“… mi pungeva il desiderio di appellarmi al giudizio del pubblico”

[Pellegrino Artusi, “La scienza in cucina e l’arte di mangiar bene“]
Questa volta sarò breve. Ho deciso di farmi più coraggio e postare una delle mie rare composizioni poetiche.
Nonostante da bambina, la mia amatissima maestra di scuola mi chiamasse “la poetessa”, poi durante la mia vita, ho scritto ben poche liriche. Amo leggerne, per lo più di autori del passato e massimamente (ma non solo) degli italiani, di cui, come ho già detto, apprezzo molto anche i testi di canzoni (vedere il mio “Lampi nel buio”).
Non starò qui a commentare me stessa. Dirò solo che questa mia di seguito è una breve poesia, dalla metrica irregolare, composta di strofe miste ed in cui, le possibili rime si risolvono per lo più in ripetizioni ed assonanze e che, lo stato d’animo che ne ha generato i contenuti, risale ad alcuni anni fa.

Attesa
di F.C.

Chi remunererà il dolore?
Il dolore
immenso,
il dolore
vale più del mondo intero.
Nessun pianeta di
nessun universo
potrà mai ripagare
di un solo dolore.
Nessuno, mai potrà
contare il prezzo
del dolore.
Vedrò infine dissolversi
questa nebbia?
Attendo…

fiori


Poco di buono

Da qualsiasi specie di oliva può venire un olio buono e molto verde, se lo farai a tempo giusto.

[Catone]

All’apertura di questo mio blog, mi ero riproposta di non trattare specificamente della mia confessione religiosa. Sono convinta, magari a torto, che siano davvero pochi coloro che abbiano meritato il diritto di dire che cosa, circa questo argomento ed ancor meno di servirsene per altri fini, compreso quello letterario, con qualche concessione però, al genere diaristico. La religiosità ed il rapporto con il sacro sono sempre stati e sono tutt’ora molto sfruttati, in quasi ogni contesto divulgativo e sociale in genere ed aggiungo, secondo me, con risultati deleteri. L’ipocrisia di certi consessi è nauseante e purtroppo frequente; e questo non da oggi, perché di attori con la maschera, nella vita, ce ne sono dalla notte dei tempi. L’abuso che si fa di nomi di santi e citazioni di parole del Libro, mi ripugna. Per me, quanto più ci si ritiene capaci ed in diritto di affrontare questo tema, nominando la nostra fede, ancor più si ha il dovere di evitare accuratamente di farlo a casaccio, mentre contemporaneamente avere la sapienza di non per ciò negare nei fatti le proprie credenze.
Barcamenandomi nell’applicazione pratica di tale convincimento, nello scrivere e nel conversare , mi sono sempre trattenuta anche dal dire ciò che è spontaneo e giusto; per non voler neppure soltanto correre il rischio di finire per accomodare meschinamente la Storia a modo mio ed utilizzare la recita a mio favore, guadagnandomi così, in un sol colpo, la meschinità più il ridicolo.
Nonostante la mia fede personale nella mia religione, nella sua legge, per me la prima di tutte, nei suoi santi, che prima di pregare ammiro come semplici persone, nonostante la mole di scritture di grandi figure umane esemplari del cristianesimo, bellissime e toccanti, anche solo da un punto di vista letterario (se possibile), nonostante la poesia ed il sentimento, che soli si riescono ad esprimere, in ambito religioso e trascendente, nonostante tutto, io mi propongo di non troppo approfittare, nelle esternazioni confidenziali, di questo mio incompleto retaggio culturale. Per non voler arrecare danno alla mia più preziosa ed intima coscienza ed a quella di altri. Da credente e da peccatrice mi pongo in atteggiamento di attesa e di ricerca: le cifre del cristiano.
E da credente-peccatrice, mi preme sottolineare anche, quanto io sia convinta dell’essere il sacro ed il profano, pari e complementari. Sacro e profano, fumo bianco e fumo nero, che si incontrano ed intrecciano, l’uno diviene l’altro e convivono in ognuno di noi, nel bene e nel male.
Messo l’argomento in questi termini, mi torna alla mente un episodio vissuto, un esempio per me di grande bellezza, un momento da ricordare. E’ avvenuto che, un argomento considerato fuor di dubbio profano, per via di un gesto semplice di piccola religiosità, abbia acquisito dignità e il diritto di entrare a far parte di quanto di umano è lecito e necessario al fine della felicità completa, che Iddio vuole per noi, secondo la natura bella che lui stesso ci ha dato.
Pochi mesi fa, dentro un negozio di biancheria, fra persone legate da rapporti di amicizia e confidenza, si è intavolata una disquisizione, tra il serio ed il faceto, riguardo certo tipo di abbigliamento intimo femminile ovvero, su generi di slip, perizoma, tanga, “brasiliana”, strig, e altro, e su possibili abbinamenti ed occasioni di indosso. La discussione si svolgeva fra la negoziante, settantenne e donna di casa e chiesa, una matura donna nubile, fervida praticante religiosa e frequentatrice di un convento di clausura e me. Detto ormai quanto c’era da dire sull’argomento, dato forse il contesto e l’ambiente umano favorevole, mi tornò alla mente , che quella mattina non avevo recitato le mie preghiere del giorno e, per la conoscenza che avevo della disposizione d’animo e della morale delle mie amiche, nonché per mia premura, senza affatto perdere l’aura di buonumore, invito le signore a passare seduta stante e lì sul posto, alla recita in comune della novena a S. Rita. La proposta è stata bene accolta, anche e proprio per via delle distrazioni profane di poco prima, il momento di preghiera si è svolto più felice e sentito; e tutto, come si suol dire, è finito in gloria.
Che fortuna per noi abitanti di questa “aiuola”, che il buon Dio ci abbia creati e di spirito e di ciccia! Amen.

donnina001