Archivi del mese: luglio 2016

Leggere

“Non riesco a saziarmi di libri.
E sì che ne posseggo un numero probabilmente superiore al necessario; ma succede anche coi libri come con le altre cose: la fortuna nel cercarli è sprone a una maggiore avidità di possederne. Anzi coi libri si verifica un fatto singolarissimo: l’oro, l’argento, i gioielli, la ricca veste, il palazzo di marmo, il bel podere, i dipinti, il destriero dall’elegante bardatura, e le altre cose del genere, recano con sé un godimento inerte e superficiale; i libri ci danno un diletto che va in profondità, discorrono con noi, ci consigliano e si legano a noi con una sorta di famigliarità attiva e penetrante.”

[Da una lettera di Francesco Petrarca a Giovanni Anchiseo]

 

In tutta la letteratura, si dialoga spesso del tema della lettura.
Molte sono le opere letterarie che hanno per argomento i libri; librerie, biblioteche, scrittoi… loro fruitori ed autori, saggi, opere storiche, romanzi, letteratura epistolare…, quanti e quanti esempi ci sono offerti sull’argomento. A volerne raccogliere anche solo una parte, fra le più rappresentative, tenendo conto delle mie modeste capacità e dei miei tempi umani e personali, so che non mi basterebbe un’altra vita.
Mano mano che mi si presentano o ripresentano cose del genere oppure, che mi tornano alla mente reminiscenze del passato, viste ora da una diversa angolatura, con occhi più maturi, mi impegno dal mio, ad evidenziarne le parti accoratamente più idonee ad esprimere il “sentimento della lettura” o, sempre seguendo il mio istinto, più esemplari, curiose e toccanti, comiche a volte oppure profonde. Vorrei, potendolo, estrapolare dall’insieme letterario in generale, seppur tanto poco ne conosco, le citazioni di frasi o paragrafi che vanno al punto del tema “leggere”; dando per certa, per quel che si può, la conoscenza – mia stessa come pure dei miei visitatori – approfondita o sommaria, almeno generica, della fama del testo in sé. E se no, fa lo stesso.
Mi piacerebbe dare forma e senso ad una piccola raccolta di brani sparsi, selezionati secondo una disposizione d’animo personale ed anche con una certa casualità . Mi asterrei anche, dal proporre il mio commento sui brani: un commento disgiunto dall’opera da cui si isola una frase, non renderebbe un buon servigio al testo, in quanto certe citazioni, lette ed evidenziate al di fuori del loro contesto, assumono una enfasi ed una valenza maggiore e singolare, anche diversa da ciò che le ha originate; fanno riflettere, sì, ma in maniera così soggettiva, che ognuno può trarne suoi spunti e sue conclusioni, sempre nuove e mai univoche, secondo il proprio retaggio personale.
Voglio dire in breve, che parlano da sé, ci parlano esse stesse. O almeno così mi pare.
Una esempio di quanto dico, che valga per tutte: come si potrebbe degnamente commentare oltre, le parole con cui Niccolò Machiavelli, al rientro nel suo studiolo, dopo una camminata all’aperto nella natura, descrive di cambiarsi d’abito opportunamente, solo per accingersi all’occupazione della lettura, lettura di libri ed opere di grandi letterati del passato, lontano e recente, degni di riconoscimento unanime e, con i quali intende, sprofondandosi nei loro scritti, colloquiare e porsi esso stesso in confidenza e vicinanza di cuori, e di nutrirsi delle loro parole, come di un vero pasto intellettuale, imbandito per lui, definito e descritto in maniera tale, da sembrare necessario alla sua propria sopravvivenza e, durando in questa totale immersione (transfert), per un tempo che lui stesso indica in quattro ore? Ovvero: sono frasi che si commentano da sole. O altrimenti, non ci servono.

 

 
“L’amore che avevo ai libri mi era stato istillato nell’animo dal caro e benedetto padre mio, il quale era poeta, e aveva fatto versi improvvisi, e ne scriveva che mi piacevano tanto…”

[Luigi Settembrini, “Le ricordanze di mia vita“]

IMG_20160716_215233
“Ogni volta che mi imbattevo in un libro o in un brano che mi piaceva e in cui venivano resi con proprietà un dato tema o un certo effetto, in uno stile e con una forza inconfondibili, mi mettevo subito ad imitare quell’autore. Sapevo di non riuscirci, eppure provavo e riprovavo finché, cominciavo ad avere una nozione del ritmo, dell’armonia, della costruzione e dell’interdipendenza delle parti.”

[Robert Louis Stevenson]

IMG_20160716_215401
“Bisogna poi sapere che questo gentiluomo, nei periodi di tempo in cui non aveva nulla da fare (cioè la maggior parte dell’anno), si dedicava alla lettura…”

“Insomma, si sprofondò tanto in quelle letture, che passava le notti dalla sera alla mattina, e i giorni dalla mattina alla sera, sempre a leggere; e così, a forza di dormir poco e di leggere molto, gli si prosciugò talmente il cervello, che perse la ragione.”

“Uno dei rimedi che il curato e il barbiere consigliarono pel momento contro la mania del loro amico fu quello di murar la stanza dei libri; forse togliendo la causa poteva cessar l’effetto.”

[Miguel De Cervantes Saavedra, “Don Chisciotte della Mancia“]

IMG_20160716_215428
“Partitomi del bosco, io me ne vo a una fonte, et di quivi in un mio uccellare. Ho un libro sotto, o Dante o Petrarca, o un di questi poeti minori, come Tibullo, Ovvidio et simili: leggo quelle loro amorose passioni et quelli loro amori, ricordandomi de’ mia, godomi un pezzo in questo pensiero. […] Venuta la sera, mi ritorno in casa et entro nel mio scrittoio; et in su l’uscio mi spoglio quella veste cotidiana, piena di fango et di loto, et mi metto panni reali et curiali; et rivestito condecentemente entro nelle antique corti degli antiqui huomini, dove, da loro ricevuto amorevolmente, mi pasco di quel cibo, che solum è mio, et che io nacqui per lui; dove io non mi vergogno parlare con loro, et domandargli della ragione delle loro actioni; et quelli per loro umanità mi rispondono; et non sento per quattro hore di tempo alcuna noia, sdimentico ogni affanno, non temo la povertà, non mi sbigottisce la morte: tucto mi transferisco in loro.”

[Niccolò Machiavelli, Lettera a Francersco Vettori del 10 dicembre 1513]

IMG_20160716_215610
“18 Ottobre
Michele mi ha recato il Plutarco, e te ne ringrazio. Mi disse che con altra occasione m’invierai qualche altro libro; per ora basta. Col divino Plutarco potrò consolarmi de’ delitti e delle sciagure dell’umanità volgendo gli occhi ai pochi illustri che quasi primati dell’umano genere sovrastano a tanti secoli e a tante genti…”

23 Ottobre
…Il parroco, il medico, e tutti gli oscuri mortali di questo cantuccio della terra mi conoscono […] e mi amano. Quantunque io viva fuggiasco, mi vengono tutti d’intorno […] Io seggo con essi a mezzodì sotto il platano della chiesa leggendo loro le vite di Licurgo e di Timoleone. Domenica mi s’erano affollati intorno tutti i contadini, che, quantunque non comprendessero affatto, stavano ascoltandomi a bocca aperta. […] Ama la immaginazione di spaziare fra i secoli e di possedere un altro universo. […] Così mi riesce di dimenticarmi ch’io vivo…”

[Ugo Foscolo,”Ultime lettere di Jacopo Ortis“]

IMG_20160716_215725
Quanto ho detto ho provato a fare, in questo breve post, senza sapere se valga la pena o no e soprattutto, come sempre, senza alcuna previsione dell’esito o ipotesi di proseguimento. Vedrò…

“Non leggete, come fanno i bambini, per divertirvi, o, come gli ambiziosi, per istruirvi. No, leggete per vivere.”

[Gustave Flaubert]

 

Annunci

Vintage 1

“Quanto agli abiti, aveva di che vestirsi fino alla fine dei suoi giorni…”.

[Gustave Flaubert, “Un cuore semplice“]

IMG_20160526_195509
Tailler di sartoria anni ’60 autentico. Era della mia mamma, cucito su di lei.
Modello di gonna leggermente a trapezio, con cuciture verticali e piccole pieghe doppie cucite e rifinite da trapunti sul davanti. Giacca ampia e corta, monopetto a tre bottoni, con scollo tondo e senza revers, spacchetti laterali sul davanti e finte tasche con pattine esterne, maniche a tre quarti.
Capo molto ben conservato, anche nelle fodere interne, indossabilissimo. Stoffa ormai introvabile. Colore verde in voga alla sua epoca, rifinito poi da me, qualche anno fa, con l’aggiunta di un set completo di bottoni in bachelite verde pino cerchiati in oro satinato, a loro volta autentici vintage anni ’70.
Linea ideale per l’indosso con camicette dal collo importante e vistoso o, per valorizzare un foulard.
Ancora più chic, se abbinato a guanti da giorno. Ne conservo alcune paia autentico vintage anni ’50, della mia mamma, di cui uno in filo di cotone bianco panna, con la parte sotto realizzata in fitta maglia e la parte sopra lavorata a traforo, il bordo profilato in delicato camoscino in tinta.IMG_20160723_155237
Per le scarpe, mi oriento verso modelli decolleté attuali, ma comunque di linea classica (è in genere il mio stile, la mia “regola aurea” delle calzature) o, al più, qualche tipo che io definisco “alla Alice” ma, studiato, tacco non altissimo né mai raso terra.

IMG_20160526_195629
Per quanto riguarda le calze a rete e maxi rete, esse sono una mia preferenza durante la mezza stagione.
Per ridare contemporaneità al tutto, nonché per esigenze pratiche della vita femminile moderna, mi servirei dell’abbinamento con la borsa; anche se io ho scelto qui un genere vintage: una piccola tracolla “Zefir” in vera pelle, di un raro color verde bottiglia, che possiedo autentica anni ’80. Ma è solo un suggerimento per uno dei tanti possibili abbinamenti, una scelta dettata del tutto dai miei gusti e, forse, anche un po’ troppo ricercata.IMG_20160723_160919IMG_20160723_161030
Infatti, di recente vi ho abbinato tra l’altro, anche un nuovo modello di borsetta da passeggio non griffata, di media misura e di colore arancio vivo, profilato in nero, con minuteria metallica dorata; il tutto richiamato nei colori dal foulard in seta e dalle scarpe nere da giorno che indosso nella foto postata.

IMG_20160526_195445

Devo rilevare che questa scelta aveva l’effetto di ravvivare e svecchiare molto l’insieme, che altrimenti apparirebbe alquanto datato, seppure bello.
Le borse grandi non mi piacciono. Sarà anche perché non si addicono alla mia statura: come si vede bene dalle foto io non sono una maniquè, ma, mi onoro di avere gli stessi centimetri di note dive del cinema, prima fra tutte la amata ed indimenticabile Marilin.

vedi anche: “Vintage 2” ,

“Vintage 3”,

Vintage4

Vintage 5

Vintage 6


Senno del poi

“Sopra tutto sono ostinato nel credere non vi poter essere né economia, né politica, né arti, né industria, né nulla di bene, dove non vi sia una soda e rischiarata virtù.”

[Antonio Genovesi, 1713-1769]

 
Pensavo (e penso) che una azienda che produce o vuole produrre onestamente, dando lavoro a persone e da vivere a famiglie, sia cosa buona e che, quando questa azienda ha bisogno di capitali in denaro per finanziare il suo sviluppo, possa alla luce del sole chiederli a chiunque decida di credere alle sue referenze ( piccolo o grande che sia) mettendoci del proprio, in cambio di una forma di partecipazione in percentuale ai suoi ricavi, eventualmente, contribuendo indirettamente, ma concretamente, alla crescita dell’azienda stessa ed al benessere di quanti vi lavorano e, si spera (se va bene), anche al proprio. Questo è il meccanismo sano. Pensavo ioe, ma mi sbagliavo.
Purtroppo in certi contesti (falsi e bugiardi) viene spacciato come fosse verità rivelata, che lo spendere i propri risparmi per comprare azioni di aziende quotate in borsa, sia il più grave dei peccati, equiparabile al crimine, soprattutto se, a “commetterlo” si è permesso qualche semplice risparmiatore. Consiglierei in proposito la lettura di un competente investitore di denaro dei nostri giorni, padre Anselm Grun, dottore in teologia e monaco benedettino, priore amministratore dell’Abbazia di Munsterschwarzach, in Germania, il quale, facendo chiarezza sulla generica condanna degli investimenti finanziari (basta la parola), rivalutandone anche la valenza etica e la funzione di utilità sociale, ha scritto in proposito: Thomas Kohrs e Anselm Grun, Usare il denaro in modo etico, Queriniana, 2010.

Una nuova forma di inquisizione demonizza e colpisce chiunque sceglie “ingenuamente” di utilizzare i propri sudati soldini pensando che gli appartengano veramente… e condanna senza riserve come bieco e avido speculatore, privo di moralità, chi rischia in proprio scegliendo di fidarsi e perciò, senza diritto ad alcuna garanzia né difesa, neppure quando è palese che sia avvenuta (come in casi recenti) una truffa organizzata e pilotata ai suoi danni, insieme a quelli di tanti altri…
Tempo fa, lessi un articolo sul quotidiano “Avvenire” del 27 aprile 2014, a firma di Andrea Giacobino, nella rubrica “Finanza dietro le quinte”. Ho pensato di conservarlo, anche perché in quel dato periodo, avevo quanto mai l’impressione che al solito ci stessero rifilando la arcinota favola di Chi sapevo per certo essere morto in Croce, ma che veniva raccontato fosse invece morto di freddo.
Rileggo ora il ritaglio di giornale, con il senno del poi, e sempre più mi convinco del fatto che, questo mio povero ed amato Paese, sia quanto mai attaccato dai pescecani dall’esterno e preda dei parassiti dall’interno. Non so sotto chi per primo soccomberà e se finirà così, ma di certo i parassiti continueranno a rodere la carcassa del cadavere anche dopo la morte. Io però ho fede, credo, credo ai miracoli, alla vita ed alla resurrezione, amen.
Mi sembra altresì utile riportare qui di seguito, le parti più salienti del citato articolo:

 

 
Se la “tassa sulle rendite” fa felici i Paperoni

Già il nome è sbagliato: “tassazione sulle rendite finanziarie”. […] così denominato e varato dal governo […] colpirà con un’aliquota salita dal 20% al 26% conti correnti, depositi, dividendi e capital gain su azioni e obbligazioni, quote di fondi comuni, gestioni patrimoniali, prodotti assicurativi, ecc…
Tutti questi sono “investimenti finanziari” degli italiani e non “rendite”; […] Ma l’errore di definizione, di per sé, è poca cosa. Il vero rischio che corre […] Palazzo Chigi è di pensare che con l’innalzamento dell’aliquota si colpiscano finalmente i grandi patrimoni dei Paperoni.Che invece, se sono ancora in Italia, restano ben al sicuro dietro lo schermo di meccanismi sofisticati quali i “trust” e le “fondazioni”[…]
Immaginiamo che i risparmi di una vita di un lavoratore (100.000 euro) siano investiti in un portafoglio così compreso: 30.000 euro in Btp, 35.000 in obbligazioni, 15.000 in liquidità e 20.000 in azioni. Applichiamo la nuova aliquota del 26% e arriviamo a 1.550,21 euro di tasse sulle “rendite”. Ma il conto per il piccolo risparmiatore non è finito perché vanno aggiunti 50 euro di deposito titoli, 200 euro di imposta di bollo ed altri 20 euro della Tobin Tax introdotta a inizio del 2013 e non ancora armonizzata con il resto d’Europa (io la chiamo la “tassa sulle perdite”). A conti fatti […] le spese totali su un patrimonio di 100.000 euro saranno di ben 1.820,21 euro, vanificando almeno un terzo del bonus fiscale che l’investitore riceverà come lavoratore dipendente. […] i lavoratori già tassati alla fonte, lo saranno ancor di più nella loro veste di risparmiatori […] 38 milioni di italiani pagheranno più tasse solo perché hanno un conto in banca.

 
Voce di colui che grida nel deserto, ma, anche se pochi, qualcuno ascolterà…

 
“… alla fin fine, nelle mani dei potenti la giustizia non è che uno strumento di governo come gli altri. Perché la chiamano giustizia? Diciamo piuttosto l’ingiustizia, ma calcolata, efficace, basata intieramente sull’esperienza spaventosa della resistenza del debole, della sua capacità di sofferenza, d’umiliazione e di sventura. L’ingiustizia mantenuta al grado esatto di tensione che occorre, perché gli ingranaggi dell’immensa macchina per fabbricare i ricchi girino senza che la caldaia scoppi.”

[Georges Bernanos, “Diario di un curato di campagna“]

Lumachina