Archivi del mese: febbraio 2019

Investigazione letteraria

“…pensando che fra un uomo e l’altro l’unica differenza o disuguaglianza è quella determinata dal biasimo delle azioni turpi e dalla lode di quelle nobili.”

[Plutarco, “Vita di Licurgo“]

IMG_2018_171711
Qui di seguito, riporto fedelmente la PREFAZIONE di un libro, che è un manuale di lavoro ed apparteneva al mio nonno materno, pasticcere (caffettiere, c’è scritto alla voce professione, sulla sua antica Carta d’identità del Regno d’Italia), classe 1889.
E’ un trattato di Gelateria, ben presentato e con anche delle immagini a colori, mancante purtroppo della copertina più poche altre pagine, ma tanto basta a non poterne conoscere il nome dell’autore (a quanto si legge un contemporaneo e concittadino del Carducci) ed anche il titolo preciso del libro (ed aggiungo anche per mia ignoranza). Ne rimane fortunatamente la fotografia dell’autore, forse la controcopertina?, ed anche la sua firma in calce alla Prefazione, inoltre dalla dedica iniziale si evince qual’è il suo paese natale: Panicale. E’ già qualcosa.
Chissà se qualcuno più colto e mondano di me, in quel di Bologna od anche di Napoli (vedi la Prefazione), grazie a questi indizi ed alle immagini postate e, leggendone la seguente Prefazione, si ricorda di questo artigiano o della sua rinomata gelateria…

 

IMG_2018_172246
PREFAZIONE

     Un trattato che si occupi esclusivamente di Gelateria, che io mi sappia, in Italia non vi è.
     Da parecchio tempo avevo divisato di pubblicarlo, ma sono stato sempre incerto nell’attuare questo mio desiderio, perché ho sempre creduto un lavoro superiore alle mie deboli forze letterarie, nella speranza che altri, più capaci di me, lo pubblicassero.
Venendo al termine di questa mia lunga vita di dolori e fatiche, senza che alcuno abbia reso noto un lavoro del genere, mi sono deciso alla pubblicazione, incoraggiato dalla mia lunga esperienza professionale, acquistata praticamente in molti anni d’immenso successo.
     Considerando che il comunicare in una professione le proprie esperienze desunte dal lavoro pratico, sia l’unico mezzo di perfezionare qualsiasi industria, mi sono deciso senza altro a compilare questo lavoro affidandomi in pari tempo alla vostra particolare benevolenza.
     Per quanto umile e modesta possa sembrare una professione, essa può diventare un’arte, se esercitata con passione ed intelligenza. Se poi ha servito ad abbellire alcune ore della vita, se ha sollevato le fisiche sofferenze, se ha procurato a chi l’esercita, la soddisfazione di allevare una numerosa famiglia, di rendere al vecchio genitore parte di quanto deve ogni buon figliuolo, essa diventa un’arte nobile ed umanitaria. – Tale credo, senza falsa modestia, l’arte mia che ho riassunto in questo volume dopo venti anni di pratica esperienza, nell’intento di giovare ai miei simili, di risparmiare ai giovani lo sforzo dei molteplici tentativi, prima di raggiungere lo scopo.
     Non rifarò la storia dei miei umili principi, non dirò attraverso quali peripezie ho potuto ottenere il successo; dirò soltanto che a Bologna, dove per parecchi anni ho esercitato la mia professione, sono conosciutissimo, e che non vi fu mai un pranzo importante ove non apparissero, gustati e festeggiati, i miei gelati.
     Nella mia clientela annoveravo tutto ciò che di eletto vanta Bologna. Il grande poeta Carducci, mi trattava con famigliare dimestichezza e quando veniva nel mio negozio per darmi ordinazioni, mi cercava benevolmente: “Dov’è il napoletano di Bologna?” alludendo al mio lungo soggiorno in Napoli, dove ho imparato l’arte mia.
     Anche per il Cardinale Svampa avevo composto gelati speciali per i grandi pranzi a cui invitava ragguardevoli personaggi ed anche per quelli a cui era invitato.
     Ho seguito i consigli dell’igiene moderna creando speciali composizioni, allo scopo di alleviare le sofferenze degli ammalati e di giovare ai sani.
     Ho cercato infine, e spero di esservi riuscito, di raggiungere il più alto grado di perfezione in un’arte che è vanto italiano, perché gl’italiani furono i primi ad esercitarla in Europa. (L’arte del gelatiere viene dall’Oriente, dove si facevano i gelati sino dal secolo XIV). Dall’Italia passò in Francia e alla Corte di Luigi XIV fu tenuta in grande onore. Anche Napoleone I aveva molta predilezione per i gelati e nella sua Corte se ne faceva uso grandissimo.
     Oggi l’uso del gelato si è largamente diffuso in tutte le classi sociali ed è rinfrescante al quale ricchi e poveri più volontieri ricorrono nei giorni afosi dell’estate.
     Credo quindi di non aver fatto opera inutile compilando questo trattato che insegna il modo di fare gelati ottimi, conformi ai dettati dell’igiene, perché nutritivi e ricostituenti, con economia e facilità, additando tutti gli strumenti necessari e le condizioni indispensabili per la sicura riuscita.
     Prendo congedo dal benigno lettore augurando che il mio volume venga benevolmente accolto per i lodevoli intenti che lo hanno ispirato.

Autografo dell’autore

 

[fedele alla copia di parte di un vecchio libro dal quale mancano i dati bilbliografici (Autore, titolo, editore, luogo, anno di pubblicazione, …)]

IMG_2018_171809

Annunci