Abusivo e decadente

“Abolirete le classi governanti? E’ un esperimento interessante. Credo che fosse il piano originale della creazione, e che sarebbe riuscito, se non fosse stato per Caino.”

[ Rafael Sabatini, “Scaramouche“]

 

A B C D – Rendere l’idea di un paese, attraverso un’immagine evocativa, un colore o un aggettivo che lo caratterizzi: quasi un gioco da tavolo…
A furia di sentire e risentire, di vedere e di sperimentare io stessa, di vivere insomma, del tumulto e delle ferite nostre (nazionali) ed anche di quelle simili o uguali, presenti altrove, a furia di tutto questo ballare in pianto, mi sono alquanto convinta, che tutto lo sfogo ed il lamento (legittimi) con cui, tanti di noi reagiamo ai mali storici e nuovi del nostro paese, altro non sarebbe se non una esternazione (maldestra) di affetto; non mai disprezzo, semmai dispiacere. La rabbia nasce in fondo dal dispiacere, dalla sofferenza e dalla sottomissione all’ingiustizia.
E’ una forma di affezione ed insieme una sensazione profonda di impotenza; una reazione al rischio di oblio, sempre temuto e sempre in agguato. E’ preghiera.

 
“Invece di maledire il buio è meglio accendere una candela.”

[Lao Tzu]

 
E non è che il resto del mondo, tutto considerato, offra spettacoli migliori del nostro o modelli esemplari… Voglio dire, che un po’ tutti ed ognuno nel suo genere, i paesi ed i popoli, avrebbero di che correggersi: abbiamo tutti le nostre vergogne.

 
“Se un uomo non è disposto a lottare per le sue idee, o le sue idee non valgono niente, o non vale niente lui.”

[Ezra Pound]

 
A me, a pelle, interessa molto più l’orizzonte mio: skyline di un paese abusivo, linea instabile, perennemente velato dalla nebbia di una magnificente ed eterna decadenza; grandezza sua, che si perde nella notte dei tempi.
Malanno ed insieme cura, croce e delizia di noi tutti, sindrome strisciante, che ha il merito ogni volta, di riportare alla giusta dimensione umana ogni babelica pretesa di chissà quale soluzione ufficiale, definitiva, ad una condizione che, proprio per il nostro stesso genio ed in quanto peculiare, appare come una specie di condanna ovvero, una sorta di epidemia endemica, attraverso la quale dover passare tutti, prima o poi, per poterne uscire vaccinati, vivi ma provati e che, se saputa prendere, ci può offrire l’occasione della nostra vita.

 
“Cominciate col fare ciò che è necessario, poi ciò che è possibile. E all’improvviso vi sorprenderete a fare l’impossibile”

[San Francesco]

IMG_20160716_215026

IMG_20160716_215045


Emidio il santo

“Si Dios no construye la casa en vano se afanan los constructores; si Dios no guarda la ciudad en vano vigila la guardia.”

[Salmo 127]

s_emidio001S. Emidio vescovo, protettore da terremoti, alluvioni e inondazioni (ed anche epidemie), era nato da nobile famiglia, negli anni attorno al 273 d.C., nella città romana di Augusta Treveronum, oggi Treviri (Trier, Germania), una delle capitali dell’Impero Romano del tempo.
Convertitosi al Cristianesimo, grazie alla predicazione dei Santi Nazario e Celso, fu nominato vescovo da Papa Marcello II ed inviato ad evangelizzare i romani pagani della opulenta città di Ascoli Piceno, all’epoca della persecuzione di Diocleziano, dove subì il martirio (taglio della testa) nell’anno 303 d.C. (il giorno 5 del mese di Agosto) per ordine del prefetto Polimio, alla cui figlia , che dallo stesso padre gli era stata promessa in sposa, Emidio aveva impartito il battesimo, dopo che lei si era convertita al Cristianesimo.
Da allora egli è patrono della mia città, Ascoli Piceno e grande protettore contro i terremoti, pregato e stimato per questa grazia in varie città italiane ed europee ed in altre parti del mondo, dalle Americhe alle Filippine. La sua città natale Treviri, in Germania, è gemellata con la città di Ascoli e molti sono i comuni che hanno chiesto di ottenere la cittadinanza ascolana, per la rinomanza del potere di questo santo e che, ne invocano la protezione come loro patrono o compatrono; una per tutte Napoli, che, il giorno 29 dicembre 1732, dopo che si era verificato un terribile terremoto, con un’ordinanza del Tribunale degli Eletti (vedi Giunta Municipale), sceglieva S. Emidio come suo compatrono contro i terremoti, affidando al musicista Giovan Battista Pergolesi (1710 – 1736) da Jesi l’incarico di comporre una Messa Solenne per l’evento; diretta da lui stesso nell’occasione, nella chiesa di S. Maria della Stella (rimasta indenne dal sisma), in cui vi era un altare dedicato a S. Emidio; mentre a Roma stessa, si trova una pala d’altare a lui dedicata, precisamente nella chiesa di S. Maria Nuova o Francesca Romana.

s_emidio002

Non vi sono documenti scritti dell’epoca in cui visse Emidio, certamente fonti orali; la fonte più antica per la sua biografia è la “Passio”: agiografia redatta da un monaco durante gli anni di vescovado di Bernardo II (1045 – 1069), quando cioè questi fece costruire in cattedrale la cripta dove traslare i resti mortali del Santo e dei suoi compagni di martirio, conservandoli in un sarcofago di età romana, fino ai nostri giorni.
In occasione della prima traslazione delle spoglie del Santo, vicino alla sua prima sepoltura, avvenuta in una zona periferica di destinazione cimiteriale all’epoca della morte, nel buio di una grotta umida, venne ritrovata, a vegliare sulla sua tomba, una piantina di basilico in fiore. Da allora il “fiore di S. Emidio”, in occasione della sua festa patronale (5 Agosto), viene benedetto in gran quantità, di prima mattina, sul sagrato della cattedrale e, comprato per devozione e tradizione, da ascolani e turisti ivi presenti.
S. Emidio protegge la città di Ascoli Piceno dagli effetti nefasti dei sismi. In più occasioni si è verificato che, persone nate ad Ascoli si siano trovate al centro di eventi sismici gravi, avvenuti fuori dalla loro città e che si siano stranamente (miracolosamente) salvate; storici e studiosi riportano la descrizione di tali fatti in vari libri e pubblicazioni ed, uno di questi avvenimenti io lo conosco per certo, di prima/seconda mano: è la storia che mi ha raccontato una signora vivente, mia amica, della sorte di un suo zio di Ascoli, ufficiale di marina nella città di Messina durante il terribile terremoto dell’inizio del secolo scorso, il quale, nonostante la totale distruzione della caserma in cui alloggiava, ne uscì indenne, in modo davvero prodigioso.
Nella mia città ci sono stati e ci saranno sempre terremoti, ma non vi muore mai nessuno.
Noi in Italia viviamo di “grazie” di “santi”… Alla luce delle mie esperienze e delusioni e, del mio mezzo secolo buono di vita, io oggi sono senza dubbio più propensa a credere e pregare quelli di essi che si trovano nell’alto dei cieli, piuttosto che dare ascolto alle parole ipocrite dei santi lestofanti che circolano liberi e di cui è impestato questo mondo.
E così sia.

s_emidio004

Tempietto edificato nel 1633, sul luogo del martirio del Santo, costruito attorno al blocco di granito su cui S. Emidio fu decapitato: una pietra di forma rotonda, inglobata nell’altare, che è possibile vedere e toccare con mano.

 

 

 

s_emidio003

Tempietto rupestre, realizzato nelle re grotte di S. Ilario; primo luogo di sepoltura del Santo e dei suoi compagni martiri. Dopo il terribile sisma cittadino del 1703, fu disposto di abbellirne la facciata, affidando l’incarico all’architetto Giuseppe Giosafatti, mantenendone la nuda roccia nell’antro.


Vintage 2

“Eppure ella non era petite. Era semplicemente ben proporzionata; cosa rara in un’età in cui troppe donne sono più grandi del naturale, oppure del tutto insignificanti.”

[Oscar Wilde, “Il delitto di Lord Arthur Savile“]

DSCN1109

 

 

Questo è un autentico abito degli anni ’70, mantenuto in condizioni perfette ed appartenuto ad una vera signora, che mi ha voluto onorare della sua amicizia, come pure la sua signora figlia, la quale, oltre che per affetto nei miei confronti, anche perché sa quanto io apprezzi il genere, me ne ha fatto dono, per me graditissimo, insieme ad alcuni altri capi, che per ora non dico, rimandandone la descrizione ai miei prossimi post su vintage ed abbigliamento.

E’ un vestito intero in rasatello di viscosa o simile; non presenta etichette o stampigliature che ne indichino il materiale, perché è stato realizzato con stoffa al metraggio, cucita in sartoria secondo le misure esatte della sua proprietaria, come si usava fare in quel periodo, da parte di chi ci teneva a vestire, con capi unici e su misura, curati nelle rifiniture, quelle che si vedono ed anche quelle che non si vedono (ancora oggi, se devo giudicare un capo, guardo il suo rovescio…). Ci si rivolgeva alla sarta di fiducia o, presso l’atelier locale, il più quotato e più noto della città, fra le frequentazioni di società.

La signora a cui era destinato aveva un fisico da manichino, tale da rendere giustizia al lavoro di sarte e modelliste. Io sono più piccola, come ho già spiegato nel mio post “Vintage 1”, e come si vede dalle foto. Ciò ha imposto di conseguenza una serie di ritocchi all’abito stesso, da parte della mia sarta, studiati appositamente al fine di renderlo indossabile e calzante da me, senza però stravolgerne la foggia e la particolarità della stampa: una fantasia a fasce digradanti, in crescendo dall’alto verso il basso, di quadrati pieni sui toni del verde, circoscritti ognuno da un bordo blu scuro vagamente richiamante il tratto di un pennarello a spirito ed, in parte intercalati da una griglia stampata a tratti più fini e di tono meno acceso in colore blu avio, il tutto su di un fondo di colore tra il beige ed il crema, per terminare, nella parte finale della gonna, in una fascia in tinta unita di colore verde che, per ragioni di altezza mia e di lunghezza dell’abito, purtroppo è dovuta venire via del tutto; si era cercato fino in ultimo di poter fare a meno di questo taglio, ma non c’era altro modo, se si voleva conservare il vestito così com’era e, contemporaneamente adattarlo alla mia figura.
Ho pensato di rimediare alla perdita trasformando la stoffa tagliata in una cintura a fascia in tinta unita, da indossare in alternativa a quella nella fantasia a quadretti di cui l’abito è già dotato o, come ho fatto nella mia foto, da unire ad essa inserendola negli stessi passanti in stoffa, come un doppio accessorio, un motivo estetico in più.

DSCN1111

 

Io lo trovo bellissimo, in accordo con tutti quelli che me lo hanno visto indossato. Il taglio generoso dei risvolti del collo, i bottoni artigianali rivestiti di stoffa per chiudere sul davanti l’apertura, che scende fino in vita e, le pieghe laterali sulla gonna, sono tutti dettagli di decoro nel vestire e di scelta stilistica di buon gusto. Si fa notare, insomma.
Per completare e non lasciare a se stesso questo abito, ho pensato ad alcuni abbinamenti con gli accessori principali (scarpe, borsa, bigiotteria…).
La caratteristica consistenza e vestibilità del tipo di stoffa, fa sì che si presti ad essere indossato in più di una stagione ovvero, fin dalla mezza stagione inoltrata, a tutta l’estate ed oltre; quindi con o senza calze, con scarpe chiuse o aperte, con cardigan o spolverino, ecc… Cose che faccio, in quanto ho diverse opzioni nel mio guardaroba e scarpiera, che mi permettono di utilizzarlo in più modi. E’ un abito da giorno, ma trattandosi di un vintage non da poco, l’occasione d’uso sarebbe tutta da organizzare.

Una proposta con scarpe meno aperte è stata la scelta di abbinarlo con un altro vintage autentico e sicuramente alla sua altezza: un paio di scarpe in fine pellame, blu e panna, datate 1976 (roba mia), già un revival ai suoi tempi; da notare la raffinatezza del bicolore, in cui il blu richiama i colori della stampa dell’abito ed il color panna il suo sfondo (necessitano di calze).

IMG_20160728_124032

Poi, un po’ per togliere al tutto eventuale austerità, un po’ per restare in tema di gusti anni ’70, ho scelto di abbinare a questo insieme una borsa con i manici ad anello (tipo bamboo), del genere che tanto successo ebbe il quegli anni, ma del tutto nuova, realizzata da me, a mano ad uncinetto (con lavorazione a punto riso) in filo di cotone semilucido da maglieria, di colore rosa antico e, sulla quale ho applicato i due manici rigidi a semicerchio (reperibili in merceria, sotto la voce “lavori femminili”) di colore blu, oltre ad un bottone datato di bachelite, in tinta, preso dalla mia personale collezione di bottoni storici, che funge tanto da chiusura, quanto da decoro discreto, sul davanti.

IMG_20160728_154904

 

 

Altro abbinamento di accessori, per un uso più estivo dell’abito, più neutri, per uscite meno impegnative: scarpe molto aperte in cuoio, con fibbia di metallo brunito sul decolleté, che richiama nel materiale quella similare, che si trova sul davanti della borsa in tela, di colore grezzo, con rifiniture e manico di cuoio; a sua volta un modesto vintage degli anni ’80, che però sembra quasi roba dei nostri tempi. Chiedo venia per la qualità delle foto, ma non sono una professionista nel campo.

IMG_20160728_122752

Nelle foto, che ho voluto presentare sia a colori che in bianco e nero, per soddisfare la mia nostalgia, si può vedere che ho proposto un terzo abbinamento, indossando un paio di scarpe aperte di camoscio verde con zeppa in corda, che fanno sembrare l’abito molto più attuale e che, proprio per il loro colore ed il loro materiale, secondo me si sposano bene con molte altre scelte di accessori.

DSCN1069

Ho voluto pensare un poco anche alla bigiotteria, qualcosa fra quanto possiedo, più o meno datati. Si tratta di una collana di perle sintetiche color crema, non troppo lunga; era della mia mamma, di quando la bigiotteria si realizzava quasi come la vera gioielleria, molto rifinita (notare i nodini dell’infilatura fra le perle, una ad una e, la chiusura classica del tutto simile a quelle vere in oro bianco tipiche del periodo a cavallo fra anni ’60 ed anni ’70, ben lavorata, con il gancio di sicurezza ed una pietrina verde smeraldo incastonata, che in tanti anni non è mai venuta via), fatta per durare, le cose non si rovinavano solo a guardarle, oppure semplicemente lasciandole riposte, per ritrovarle poi cambiate di colore, annerite, scrostate, ecc…

IMG_20160728_123101

Di idee per questo abito ne avrei tante altre… ho diversi cappottini in maglia, 7/8 di lunghezza, nei colori blu, verde, panna, azzurro polvere, ecc… da vedere. Ma, sarebbe troppo lungo, e noioso.
“L’immaginazione è più importante della conoscenza.”

[Albert Einstein]

vedi anche: “Vintage 1” e,Vintage 3″, Vintage4 Vintage 5


Dati personali

“I suoi occhi esprimevano il fuoco che ardeva in lui e il disprezzo dei vani giudizi degli uomini…”

[Stendhal, “Il rosso e il nero“]
Non smetterò mai, di fermare la mia attenzione sulle cose semplici, ovvie, comunemente di nessun interesse…
Sembra risibile, sciocca persino e perciò, resta spesso tutta nascosta nel mio cuore, questa mia attrazione voluttuosa per i DATI PERSONALI.
“…tutta la sua persona le procurava quel turbamento che ci prende alla vista di uomini straordinari.”

[Gustave Flaubert, “Un cuore semplice“]
Sto alludendo stavolta, all’ebbrezza scivolosa, che sale ai miei occhi, quando mi capita di guardare in privato lo spettacolo tutto mio delle belle mutande “all’americana” che ha indosso mio marito, mia passione e diletto: mentre si appresta a tirarsi giù i pantaloni (nulla a che vedere con roba ed atteggiamenti da donna) e sotto, mette in mostra la virilità del suo lato migliore, vestito di camiceria, nel raffinato cotone azzurrino, stoffa rifinita e curata nei dettagli, tagliata e cucita ad arte (dove e come serve), che io stessa mi occupo di stirare, con l’appretto della mia scostumata fantasia e della mia più rossa vergogna.
“Perdonate non lo farò più; mi è scappato di bocca, ma come volete che in un momento simile non ci sia il desiderio…”

[Fedor Dostoevskij, “Le notti bianche”]
E’ un vedo-non vedo, per me, una vera istigazione alla sfacciataggine, verso l’uomo più serio del mondo e della mia vita; la mia audacia contro la sua fermezza, la sua dignità matura, irremovibile e tentatrice, contro un paio di boxer, tanto seri e classici quanto provocanti, che sensualmente circondano e mostrano due cosce da giocatore di rugby. Adesso però si gioca qui, la vera partita. Qualsiasi regola, io la accetto…
“Andate a capire quest’uomo! Tuttavia, signor inflessibile, voi non potete non lodarmi perché ho un animo così semplice. Io vi ho raccontato tutto, tutto, tutte le sciocchezze che mi sono passate per la testa.”

[Fedor Dostoevskij, “Le notti bianche”]

Un ritratto

DSCN0036


Leggere

“Non riesco a saziarmi di libri.
E sì che ne posseggo un numero probabilmente superiore al necessario; ma succede anche coi libri come con le altre cose: la fortuna nel cercarli è sprone a una maggiore avidità di possederne. Anzi coi libri si verifica un fatto singolarissimo: l’oro, l’argento, i gioielli, la ricca veste, il palazzo di marmo, il bel podere, i dipinti, il destriero dall’elegante bardatura, e le altre cose del genere, recano con sé un godimento inerte e superficiale; i libri ci danno un diletto che va in profondità, discorrono con noi, ci consigliano e si legano a noi con una sorta di famigliarità attiva e penetrante.”

[Da una lettera di Francesco Petrarca a Giovanni Anchiseo]

 

In tutta la letteratura, si dialoga spesso del tema della lettura.
Molte sono le opere letterarie che hanno per argomento i libri; librerie, biblioteche, scrittoi… loro fruitori ed autori, saggi, opere storiche, romanzi, letteratura epistolare…, quanti e quanti esempi ci sono offerti sull’argomento. A volerne raccogliere anche solo una parte, fra le più rappresentative, tenendo conto delle mie modeste capacità e dei miei tempi umani e personali, so che non mi basterebbe un’altra vita.
Mano mano che mi si presentano o ripresentano cose del genere oppure, che mi tornano alla mente reminiscenze del passato, viste ora da una diversa angolatura, con occhi più maturi, mi impegno dal mio, ad evidenziarne le parti accoratamente più idonee ad esprimere il “sentimento della lettura” o, sempre seguendo il mio istinto, più esemplari, curiose e toccanti, comiche a volte oppure profonde. Vorrei, potendolo, estrapolare dall’insieme letterario in generale, seppur tanto poco ne conosco, le citazioni di frasi o paragrafi che vanno al punto del tema “leggere”; dando per certa, per quel che si può, la conoscenza – mia stessa come pure dei miei visitatori – approfondita o sommaria, almeno generica, della fama del testo in sé. E se no, fa lo stesso.
Mi piacerebbe dare forma e senso ad una piccola raccolta di brani sparsi, selezionati secondo una disposizione d’animo personale ed anche con una certa casualità . Mi asterrei anche, dal proporre il mio commento sui brani: un commento disgiunto dall’opera da cui si isola una frase, non renderebbe un buon servigio al testo, in quanto certe citazioni, lette ed evidenziate al di fuori del loro contesto, assumono una enfasi ed una valenza maggiore e singolare, anche diversa da ciò che le ha originate; fanno riflettere, sì, ma in maniera così soggettiva, che ognuno può trarne suoi spunti e sue conclusioni, sempre nuove e mai univoche, secondo il proprio retaggio personale.
Voglio dire in breve, che parlano da sé, ci parlano esse stesse. O almeno così mi pare.
Una esempio di quanto dico, che valga per tutte: come si potrebbe degnamente commentare oltre, le parole con cui Niccolò Machiavelli, al rientro nel suo studiolo, dopo una camminata all’aperto nella natura, descrive di cambiarsi d’abito opportunamente, solo per accingersi all’occupazione della lettura, lettura di libri ed opere di grandi letterati del passato, lontano e recente, degni di riconoscimento unanime e, con i quali intende, sprofondandosi nei loro scritti, colloquiare e porsi esso stesso in confidenza e vicinanza di cuori, e di nutrirsi delle loro parole, come di un vero pasto intellettuale, imbandito per lui, definito e descritto in maniera tale, da sembrare necessario alla sua propria sopravvivenza e, durando in questa totale immersione (transfert), per un tempo che lui stesso indica in quattro ore? Ovvero: sono frasi che si commentano da sole. O altrimenti, non ci servono.

 

 
“L’amore che avevo ai libri mi era stato istillato nell’animo dal caro e benedetto padre mio, il quale era poeta, e aveva fatto versi improvvisi, e ne scriveva che mi piacevano tanto…”

[Luigi Settembrini, “Le ricordanze di mia vita“]

IMG_20160716_215233
“Ogni volta che mi imbattevo in un libro o in un brano che mi piaceva e in cui venivano resi con proprietà un dato tema o un certo effetto, in uno stile e con una forza inconfondibili, mi mettevo subito ad imitare quell’autore. Sapevo di non riuscirci, eppure provavo e riprovavo finché, cominciavo ad avere una nozione del ritmo, dell’armonia, della costruzione e dell’interdipendenza delle parti.”

[Robert Louis Stevenson]

IMG_20160716_215401
“Bisogna poi sapere che questo gentiluomo, nei periodi di tempo in cui non aveva nulla da fare (cioè la maggior parte dell’anno), si dedicava alla lettura…”

“Insomma, si sprofondò tanto in quelle letture, che passava le notti dalla sera alla mattina, e i giorni dalla mattina alla sera, sempre a leggere; e così, a forza di dormir poco e di leggere molto, gli si prosciugò talmente il cervello, che perse la ragione.”

“Uno dei rimedi che il curato e il barbiere consigliarono pel momento contro la mania del loro amico fu quello di murar la stanza dei libri; forse togliendo la causa poteva cessar l’effetto.”

[Miguel De Cervantes Saavedra, “Don Chisciotte della Mancia“]

IMG_20160716_215428
“Partitomi del bosco, io me ne vo a una fonte, et di quivi in un mio uccellare. Ho un libro sotto, o Dante o Petrarca, o un di questi poeti minori, come Tibullo, Ovvidio et simili: leggo quelle loro amorose passioni et quelli loro amori, ricordandomi de’ mia, godomi un pezzo in questo pensiero. […] Venuta la sera, mi ritorno in casa et entro nel mio scrittoio; et in su l’uscio mi spoglio quella veste cotidiana, piena di fango et di loto, et mi metto panni reali et curiali; et rivestito condecentemente entro nelle antique corti degli antiqui huomini, dove, da loro ricevuto amorevolmente, mi pasco di quel cibo, che solum è mio, et che io nacqui per lui; dove io non mi vergogno parlare con loro, et domandargli della ragione delle loro actioni; et quelli per loro umanità mi rispondono; et non sento per quattro hore di tempo alcuna noia, sdimentico ogni affanno, non temo la povertà, non mi sbigottisce la morte: tucto mi transferisco in loro.”

[Niccolò Machiavelli, Lettera a Francersco Vettori del 10 dicembre 1513]

IMG_20160716_215610
“18 Ottobre
Michele mi ha recato il Plutarco, e te ne ringrazio. Mi disse che con altra occasione m’invierai qualche altro libro; per ora basta. Col divino Plutarco potrò consolarmi de’ delitti e delle sciagure dell’umanità volgendo gli occhi ai pochi illustri che quasi primati dell’umano genere sovrastano a tanti secoli e a tante genti…”

23 Ottobre
…Il parroco, il medico, e tutti gli oscuri mortali di questo cantuccio della terra mi conoscono […] e mi amano. Quantunque io viva fuggiasco, mi vengono tutti d’intorno […] Io seggo con essi a mezzodì sotto il platano della chiesa leggendo loro le vite di Licurgo e di Timoleone. Domenica mi s’erano affollati intorno tutti i contadini, che, quantunque non comprendessero affatto, stavano ascoltandomi a bocca aperta. […] Ama la immaginazione di spaziare fra i secoli e di possedere un altro universo. […] Così mi riesce di dimenticarmi ch’io vivo…”

[Ugo Foscolo,”Ultime lettere di Jacopo Ortis“]

IMG_20160716_215725
Quanto ho detto ho provato a fare, in questo breve post, senza sapere se valga la pena o no e soprattutto, come sempre, senza alcuna previsione dell’esito o ipotesi di proseguimento. Vedrò…

“Non leggete, come fanno i bambini, per divertirvi, o, come gli ambiziosi, per istruirvi. No, leggete per vivere.”

[Gustave Flaubert]

 


Vintage 1

“Quanto agli abiti, aveva di che vestirsi fino alla fine dei suoi giorni…”.

[Gustave Flaubert, “Un cuore semplice“]

IMG_20160526_195509
Tailler di sartoria anni ’60 autentico. Era della mia mamma, cucito su di lei.
Modello di gonna leggermente a trapezio, con cuciture verticali e piccole pieghe doppie cucite e rifinite da trapunti sul davanti. Giacca ampia e corta, monopetto a tre bottoni, con scollo tondo e senza revers, spacchetti laterali sul davanti e finte tasche con pattine esterne, maniche a tre quarti.
Capo molto ben conservato, anche nelle fodere interne, indossabilissimo. Stoffa ormai introvabile. Colore verde in voga alla sua epoca, rifinito poi da me, qualche anno fa, con l’aggiunta di un set completo di bottoni in bachelite verde pino cerchiati in oro satinato, a loro volta autentici vintage anni ’70.
Linea ideale per l’indosso con camicette dal collo importante e vistoso o, per valorizzare un foulard.
Ancora più chic, se abbinato a guanti da giorno. Ne conservo alcune paia autentico vintage anni ’50, della mia mamma, di cui uno in filo di cotone bianco panna, con la parte sotto realizzata in fitta maglia e la parte sopra lavorata a traforo, il bordo profilato in delicato camoscino in tinta.IMG_20160723_155237
Per le scarpe, mi oriento verso modelli decolleté attuali, ma comunque di linea classica (è in genere il mio stile, la mia “regola aurea” delle calzature) o, al più, qualche tipo che io definisco “alla Alice” ma, studiato, tacco non altissimo né mai raso terra.

IMG_20160526_195629
Per quanto riguarda le calze a rete e maxi rete, esse sono una mia preferenza durante la mezza stagione.
Per ridare contemporaneità al tutto, nonché per esigenze pratiche della vita femminile moderna, mi servirei dell’abbinamento con la borsa; anche se io ho scelto qui un genere vintage: una piccola tracolla “Zefir” in vera pelle, di un raro color verde bottiglia, che possiedo autentica anni ’80. Ma è solo un suggerimento per uno dei tanti possibili abbinamenti, una scelta dettata del tutto dai miei gusti e, forse, anche un po’ troppo ricercata.IMG_20160723_160919IMG_20160723_161030
Infatti, di recente vi ho abbinato tra l’altro, anche un nuovo modello di borsetta da passeggio non griffata, di media misura e di colore arancio vivo, profilato in nero, con minuteria metallica dorata; il tutto richiamato nei colori dal foulard in seta e dalle scarpe nere da giorno che indosso nella foto postata.

IMG_20160526_195445

Devo rilevare che questa scelta aveva l’effetto di ravvivare e svecchiare molto l’insieme, che altrimenti apparirebbe alquanto datato, seppure bello.
Le borse grandi non mi piacciono. Sarà anche perché non si addicono alla mia statura: come si vede bene dalle foto io non sono una maniquè, ma, mi onoro di avere gli stessi centimetri di note dive del cinema, prima fra tutte la amata ed indimenticabile Marilin.

vedi anche: “Vintage 2” , “Vintage 3”, Vintage4 Vintage 5


Senno del poi

“Sopra tutto sono ostinato nel credere non vi poter essere né economia, né politica, né arti, né industria, né nulla di bene, dove non vi sia una soda e rischiarata virtù.”

[Antonio Genovesi, 1713-1769]

 
Pensavo (e penso) che una azienda che produce o vuole produrre onestamente, dando lavoro a persone e da vivere a famiglie, sia cosa buona e che, quando questa azienda ha bisogno di capitali in denaro per finanziare il suo sviluppo, possa alla luce del sole chiederli a chiunque decida di credere alle sue referenze ( piccolo o grande che sia) mettendoci del proprio, in cambio di una forma di partecipazione in percentuale ai suoi ricavi, eventualmente, contribuendo indirettamente, ma concretamente, alla crescita dell’azienda stessa ed al benessere di quanti vi lavorano e, si spera (se va bene), anche al proprio. Questo è il meccanismo sano. Pensavo ioe, ma mi sbagliavo.
Purtroppo in certi contesti (falsi e bugiardi) viene spacciato come fosse verità rivelata, che lo spendere i propri risparmi per comprare azioni di aziende quotate in borsa, sia il più grave dei peccati, equiparabile al crimine, soprattutto se, a “commetterlo” si è permesso qualche semplice risparmiatore. Consiglierei in proposito la lettura di un competente investitore di denaro dei nostri giorni, padre Anselm Grun, dottore in teologia e monaco benedettino, priore amministratore dell’Abbazia di Munsterschwarzach, in Germania, il quale, facendo chiarezza sulla generica condanna degli investimenti finanziari (basta la parola), rivalutandone anche la valenza etica e la funzione di utilità sociale, ha scritto in proposito: Thomas Kohrs e Anselm Grun, Usare il denaro in modo etico, Queriniana, 2010.

Una nuova forma di inquisizione demonizza e colpisce chiunque sceglie “ingenuamente” di utilizzare i propri sudati soldini pensando che gli appartengano veramente… e condanna senza riserve come bieco e avido speculatore, privo di moralità, chi rischia in proprio scegliendo di fidarsi e perciò, senza diritto ad alcuna garanzia né difesa, neppure quando è palese che sia avvenuta (come in casi recenti) una truffa organizzata e pilotata ai suoi danni, insieme a quelli di tanti altri…
Tempo fa, lessi un articolo sul quotidiano “Avvenire” del 27 aprile 2014, a firma di Andrea Giacobino, nella rubrica “Finanza dietro le quinte”. Ho pensato di conservarlo, anche perché in quel dato periodo, avevo quanto mai l’impressione che al solito ci stessero rifilando la arcinota favola di Chi sapevo per certo essere morto in Croce, ma che veniva raccontato fosse invece morto di freddo.
Rileggo ora il ritaglio di giornale, con il senno del poi, e sempre più mi convinco del fatto che, questo mio povero ed amato Paese, sia quanto mai attaccato dai pescecani dall’esterno e preda dei parassiti dall’interno. Non so sotto chi per primo soccomberà e se finirà così, ma di certo i parassiti continueranno a rodere la carcassa del cadavere anche dopo la morte. Io però ho fede, credo, credo ai miracoli, alla vita ed alla resurrezione, amen.
Mi sembra altresì utile riportare qui di seguito, le parti più salienti del citato articolo:

 

 
Se la “tassa sulle rendite” fa felici i Paperoni

Già il nome è sbagliato: “tassazione sulle rendite finanziarie”. […] così denominato e varato dal governo […] colpirà con un’aliquota salita dal 20% al 26% conti correnti, depositi, dividendi e capital gain su azioni e obbligazioni, quote di fondi comuni, gestioni patrimoniali, prodotti assicurativi, ecc…
Tutti questi sono “investimenti finanziari” degli italiani e non “rendite”; […] Ma l’errore di definizione, di per sé, è poca cosa. Il vero rischio che corre […] Palazzo Chigi è di pensare che con l’innalzamento dell’aliquota si colpiscano finalmente i grandi patrimoni dei Paperoni.Che invece, se sono ancora in Italia, restano ben al sicuro dietro lo schermo di meccanismi sofisticati quali i “trust” e le “fondazioni”[…]
Immaginiamo che i risparmi di una vita di un lavoratore (100.000 euro) siano investiti in un portafoglio così compreso: 30.000 euro in Btp, 35.000 in obbligazioni, 15.000 in liquidità e 20.000 in azioni. Applichiamo la nuova aliquota del 26% e arriviamo a 1.550,21 euro di tasse sulle “rendite”. Ma il conto per il piccolo risparmiatore non è finito perché vanno aggiunti 50 euro di deposito titoli, 200 euro di imposta di bollo ed altri 20 euro della Tobin Tax introdotta a inizio del 2013 e non ancora armonizzata con il resto d’Europa (io la chiamo la “tassa sulle perdite”). A conti fatti […] le spese totali su un patrimonio di 100.000 euro saranno di ben 1.820,21 euro, vanificando almeno un terzo del bonus fiscale che l’investitore riceverà come lavoratore dipendente. […] i lavoratori già tassati alla fonte, lo saranno ancor di più nella loro veste di risparmiatori […] 38 milioni di italiani pagheranno più tasse solo perché hanno un conto in banca.

 
Voce di colui che grida nel deserto, ma, anche se pochi, qualcuno ascolterà…

 
“… alla fin fine, nelle mani dei potenti la giustizia non è che uno strumento di governo come gli altri. Perché la chiamano giustizia? Diciamo piuttosto l’ingiustizia, ma calcolata, efficace, basata intieramente sull’esperienza spaventosa della resistenza del debole, della sua capacità di sofferenza, d’umiliazione e di sventura. L’ingiustizia mantenuta al grado esatto di tensione che occorre, perché gli ingranaggi dell’immensa macchina per fabbricare i ricchi girino senza che la caldaia scoppi.”

[Georges Bernanos, “Diario di un curato di campagna“]

Lumachina