Archivi tag: Dio

Terraferma

“…dicevano che il dio manifestava di voler punire la trasgressione e la profanazione avvenuta con una grande calamità collettiva.”

[ Plutarco, “Vita di Numa“]

 
Dopo tanto lungo silenzio, avrei voluto ritornare alla ribalta del mio modesto blog con temi e toni leggeri e spensierati. Invece, l’animo mio vive e sente tutt’altri sentimenti:

oh Signore, se tu hai deciso che dalle mie parti è giunta l’ora di farci finire tutti annientati, ti prego di farlo il prima possibile, per non dovere attendere più noi nel terrore di giorno e di notte. Ma se puoi, per pietà non farlo succedere, allontana da noi questo calice e salvaci. Non mi sento pronta, ho paura. Anche se questa ormai è veramente “valle di lacrime”, noi vogliamo ancora restare qui, vivi, a piangere e penare. amen

 
“Mentre la gente era in preda allo sconforto, uno scudo di bronzo […] piombò giù dal cielo…]

[idem]

hdr
Da un po’ di tempo, dopo le ultime e terrifiche scosse di terremoto e fenomeni climatici vari (nevoni, crolli, frane…), ripenso spesso e rifletto sulle cose del passato, mio e dei miei cari. Sono le storie della mia infanzia e della vita trascorsa, quella mia e quella dei miei affetti scomparsi ed anche degli avi sconosciuti, noti a me solo dai racconti e da qualche rara foto o documento o dai ricordi materiali, oggetti vecchi, tramandati di generazione in generazione…

img_20161226_172442

Questo libretto è appartenuto alla mia nonna materna; contiene consigli di economia domestica e poche ricette culinarie, tutto all’insegna del riciclo di avanzi e scarti e del massimo risparmio possibile o “a spreco zero”. Le pietanze sono raccolte nella rubrichetta dal titolo “Ricettario autarchico”.
In un’epoca in cui nulla andava perduto, con il risparmio nella gestione della casa si riusciva a recuperare uno stipendio in più.

img_20161226_172936

Il tutto è stampato su carta “povera” (quasi una cartapaglia), in due soli colori (nero ed un po’ di rosso) dalla S. A. Poligrafici Il Resto del Carlino, nell’anno 1941.
A guardarlo ora, nel suo aspetto segnato di decadente residuato, gravemente ingiallito, macchiato e bruciacchiato nei bordi, dimostra più dei suoi anni.

img_20161226_172911

Molti dei consigli d’uso e di recupero che vi si leggono, oggi sarebbero improponibili, alcuni del tutto irrealizzabili, in qualche caso persino incomprensibili; nelle nostre case comuni mancano sia i focolari che certi materiali, frequenti ed economici all’epoca del libretto, sono divenuti introvabili oppure addirittura costosi, quasi dei lussi.

hdr
I consigli di conservazione degli alimenti non tengono conto dell’esistenza dei frigoriferi; ricordo ancora la mia nonna, che pure ai suoi tempi aveva avuto il “privilegio” di possedere ante guerra una ghiacciaia, confezionare spesso dei sacchetti vari di stoffa, cucendo ritagli di abiti da buttare e parti di biancheria troppo usurata, come contenitori per lo più per alimenti (orzo, farina, pasta, ecc…).
I consigli per il lavaggio e la stiratura degli indumenti e dei materiali tessili non tengono conto dell’esistenza della lavatrice, né del ferro da stiro a vapore. Insomma, a leggerli e confrontarli con le abitudini odierne di gestione ed amministrazione della casa, ne emerge senz’altro almeno un fatto e cioè, che oggi si vive praticamente di sprechi e negli sprechi; ma anche si capisce che, quel genere di economia proposta tanti anni fa, noi ora non saremmo più in grado di praticarla… suppongo.

img_20161226_172542

Nonostante ciò, si può prendere ancora qualcosa di utile e di buono da questo libriccino, oltre al principio stesso di base, che è quello della lotta agli sprechi domestici ed, ancor più, degli alimenti.
Piccole interessanti scoperte ed anche qualche gustosa curiosità da assaggiare, per provare il piacere di un sapore “nuovo anzi antico”.

img_20161226_172516

Sono tempi tristi questi. Per quanto possiamo fare nel mostrare ottimismo, buonumore, voglia di andare avanti, più spesso nell’intimo un grande avvilimento ci avvolge come una coperta gelata, è il crollo delle speranze, è il buio fitto in cui brancoliamo in tanti e tanti, chi più e chi meno; e sempre ci diciamo l’un l’altro – Speriamo bene! -.
A volte, quando sono seduta guardo avanti e, nella stanza vuota, vedo di fronte a me i miei genitori, che mi guardano, due vecchini con lo sguardo amorevole che conosco e che mai dimentico, dediti a me prima di se stessi, come i personaggi dei genitori nel film “Sinue l’egiziano”, i quali rendono l’idea del ricordo che ne ho dei miei. Forse mi vedono o forse così li sto disturbando nel loro riposo eterno. Me li immagino come se fossero veramente presenti e vicini, come se ci fossero, come io li vorrei, con me, mentre mi duole in gola un grosso nodo.

 
“…nessuna delle cose umane è stabile, ma in qualunque modo il dio svolga e muti il corso della nostra vita, conviene che noi ci accontentiamo e accettiamo.”

[ idem ]

Annunci

Interludio

“… semplicemente sostengo che è per il bello che tutte le cose belle sono belle.”

[Platone, “Fedone“]

Un’immensità di cose, sono quelle che io ignoro, di questo mondo. Sono cose che non so ancora, che mai saprò.
E’ una riflessione mia di ogni giorno, almeno ogni giorno ed ogni qualvolta, mi sorprende la scoperta di bellezze nuove e, maggiormente se, avviene fra quelle tali, che fanno parte dei miei interessi particolari.
Nel mio, tuttora immenso, ignorare, non ero ancora arrivata a sapere, che S. Ambrogio avesse composto sublimi preghiere in versi, vere poesie, con trasporto e bravura, ma anche con senso di intimità colloquiale, vere preghiere, dettate dalla mente e dal cuore di una grande figura di uomo della storia. Leggendone solo alcuni brani (che soli basterebbero, a parer mio, a riempire gran vuoto), ne sono rimasta toccata, anzi, più appropriato sarebbe dire “accarezzata”, per esprimere al meglio la sensazione beata, che infonde il leggerli:

Dio creatore di tutto
reggitore del cielo,
che il dì di luce, e grato
sopor la notte adorni,

sicché le membra sciolte
il sonno rende preste,
ricrei le menti stanche,
disperda ansie e dolori.

[Ambrogio]

Il queste due strofe, di quartine di versi settenari, i termini gentilissimi, nei quali si esprime l’autore, appassionato di Dio, quasi producono, un effetto di canto soave. E’ come se, con il solo uso delle parole, avesse evocato, concretizzato, un abbraccio al divino. Sono parole piene, ricche, come ad esempio: “tutto”, “luce”, “cielo”, ma anche consolanti, rigeneranti, come ad esempio: “grato”, “sopor”, “adorni”, “sonno”, “ricrei”, o piccole frasi, che rincuorano, come quella che infine recita: “disperda ansie e dolori”; tutto è magistralmente apposto nel punto esatto, con sapienza di letterato e fede religiosa fermissima, da “ispirato” umanista ante litteram, nel senso più cristiano del termine.
Necessario interludio, questi versi mi fanno tornare alla mente – rafforzandone in me la condivisione – le seguenti parole, di una figura di uomo di inizio ‘800, personaggio della letteratura ed altro:

… l’arte nella più alta espressione si confonde con la preghiera…”

[Federico Ozanam]donnina e pioggia