Archivi tag: economia

Terraferma

“…dicevano che il dio manifestava di voler punire la trasgressione e la profanazione avvenuta con una grande calamità collettiva.”

[ Plutarco, “Vita di Numa“]

 
Dopo tanto lungo silenzio, avrei voluto ritornare alla ribalta del mio modesto blog con temi e toni leggeri e spensierati. Invece, l’animo mio vive e sente tutt’altri sentimenti:

oh Signore, se tu hai deciso che dalle mie parti è giunta l’ora di farci finire tutti annientati, ti prego di farlo il prima possibile, per non dovere attendere più noi nel terrore di giorno e di notte. Ma se puoi, per pietà non farlo succedere, allontana da noi questo calice e salvaci. Non mi sento pronta, ho paura. Anche se questa ormai è veramente “valle di lacrime”, noi vogliamo ancora restare qui, vivi, a piangere e penare. amen

 
“Mentre la gente era in preda allo sconforto, uno scudo di bronzo […] piombò giù dal cielo…]

[idem]

hdr
Da un po’ di tempo, dopo le ultime e terrifiche scosse di terremoto e fenomeni climatici vari (nevoni, crolli, frane…), ripenso spesso e rifletto sulle cose del passato, mio e dei miei cari. Sono le storie della mia infanzia e della vita trascorsa, quella mia e quella dei miei affetti scomparsi ed anche degli avi sconosciuti, noti a me solo dai racconti e da qualche rara foto o documento o dai ricordi materiali, oggetti vecchi, tramandati di generazione in generazione…

img_20161226_172442

Questo libretto è appartenuto alla mia nonna materna; contiene consigli di economia domestica e poche ricette culinarie, tutto all’insegna del riciclo di avanzi e scarti e del massimo risparmio possibile o “a spreco zero”. Le pietanze sono raccolte nella rubrichetta dal titolo “Ricettario autarchico”.
In un’epoca in cui nulla andava perduto, con il risparmio nella gestione della casa si riusciva a recuperare uno stipendio in più.

img_20161226_172936

Il tutto è stampato su carta “povera” (quasi una cartapaglia), in due soli colori (nero ed un po’ di rosso) dalla S. A. Poligrafici Il Resto del Carlino, nell’anno 1941.
A guardarlo ora, nel suo aspetto segnato di decadente residuato, gravemente ingiallito, macchiato e bruciacchiato nei bordi, dimostra più dei suoi anni.

img_20161226_172911

Molti dei consigli d’uso e di recupero che vi si leggono, oggi sarebbero improponibili, alcuni del tutto irrealizzabili, in qualche caso persino incomprensibili; nelle nostre case comuni mancano sia i focolari che certi materiali, frequenti ed economici all’epoca del libretto, sono divenuti introvabili oppure addirittura costosi, quasi dei lussi.

hdr
I consigli di conservazione degli alimenti non tengono conto dell’esistenza dei frigoriferi; ricordo ancora la mia nonna, che pure ai suoi tempi aveva avuto il “privilegio” di possedere ante guerra una ghiacciaia, confezionare spesso dei sacchetti vari di stoffa, cucendo ritagli di abiti da buttare e parti di biancheria troppo usurata, come contenitori per lo più per alimenti (orzo, farina, pasta, ecc…).
I consigli per il lavaggio e la stiratura degli indumenti e dei materiali tessili non tengono conto dell’esistenza della lavatrice, né del ferro da stiro a vapore. Insomma, a leggerli e confrontarli con le abitudini odierne di gestione ed amministrazione della casa, ne emerge senz’altro almeno un fatto e cioè, che oggi si vive praticamente di sprechi e negli sprechi; ma anche si capisce che, quel genere di economia proposta tanti anni fa, noi ora non saremmo più in grado di praticarla… suppongo.

img_20161226_172542

Nonostante ciò, si può prendere ancora qualcosa di utile e di buono da questo libriccino, oltre al principio stesso di base, che è quello della lotta agli sprechi domestici ed, ancor più, degli alimenti.
Piccole interessanti scoperte ed anche qualche gustosa curiosità da assaggiare, per provare il piacere di un sapore “nuovo anzi antico”.

img_20161226_172516

Sono tempi tristi questi. Per quanto possiamo fare nel mostrare ottimismo, buonumore, voglia di andare avanti, più spesso nell’intimo un grande avvilimento ci avvolge come una coperta gelata, è il crollo delle speranze, è il buio fitto in cui brancoliamo in tanti e tanti, chi più e chi meno; e sempre ci diciamo l’un l’altro – Speriamo bene! -.
A volte, quando sono seduta guardo avanti e, nella stanza vuota, vedo di fronte a me i miei genitori, che mi guardano, due vecchini con lo sguardo amorevole che conosco e che mai dimentico, dediti a me prima di se stessi, come i personaggi dei genitori nel film “Sinue l’egiziano”, i quali rendono l’idea del ricordo che ne ho dei miei. Forse mi vedono o forse così li sto disturbando nel loro riposo eterno. Me li immagino come se fossero veramente presenti e vicini, come se ci fossero, come io li vorrei, con me, mentre mi duole in gola un grosso nodo.

 
“…nessuna delle cose umane è stabile, ma in qualunque modo il dio svolga e muti il corso della nostra vita, conviene che noi ci accontentiamo e accettiamo.”

[ idem ]


Senno del poi

“Sopra tutto sono ostinato nel credere non vi poter essere né economia, né politica, né arti, né industria, né nulla di bene, dove non vi sia una soda e rischiarata virtù.”

[Antonio Genovesi, 1713-1769]

 
Pensavo (e penso) che una azienda che produce o vuole produrre onestamente, dando lavoro a persone e da vivere a famiglie, sia cosa buona e che, quando questa azienda ha bisogno di capitali in denaro per finanziare il suo sviluppo, possa alla luce del sole chiederli a chiunque decida di credere alle sue referenze ( piccolo o grande che sia) mettendoci del proprio, in cambio di una forma di partecipazione in percentuale ai suoi ricavi, eventualmente, contribuendo indirettamente, ma concretamente, alla crescita dell’azienda stessa ed al benessere di quanti vi lavorano e, si spera (se va bene), anche al proprio. Questo è il meccanismo sano. Pensavo ioe, ma mi sbagliavo.
Purtroppo in certi contesti (falsi e bugiardi) viene spacciato come fosse verità rivelata, che lo spendere i propri risparmi per comprare azioni di aziende quotate in borsa, sia il più grave dei peccati, equiparabile al crimine, soprattutto se, a “commetterlo” si è permesso qualche semplice risparmiatore. Consiglierei in proposito la lettura di un competente investitore di denaro dei nostri giorni, padre Anselm Grun, dottore in teologia e monaco benedettino, priore amministratore dell’Abbazia di Munsterschwarzach, in Germania, il quale, facendo chiarezza sulla generica condanna degli investimenti finanziari (basta la parola), rivalutandone anche la valenza etica e la funzione di utilità sociale, ha scritto in proposito: Thomas Kohrs e Anselm Grun, Usare il denaro in modo etico, Queriniana, 2010.

Una nuova forma di inquisizione demonizza e colpisce chiunque sceglie “ingenuamente” di utilizzare i propri sudati soldini pensando che gli appartengano veramente… e condanna senza riserve come bieco e avido speculatore, privo di moralità, chi rischia in proprio scegliendo di fidarsi e perciò, senza diritto ad alcuna garanzia né difesa, neppure quando è palese che sia avvenuta (come in casi recenti) una truffa organizzata e pilotata ai suoi danni, insieme a quelli di tanti altri…
Tempo fa, lessi un articolo sul quotidiano “Avvenire” del 27 aprile 2014, a firma di Andrea Giacobino, nella rubrica “Finanza dietro le quinte”. Ho pensato di conservarlo, anche perché in quel dato periodo, avevo quanto mai l’impressione che al solito ci stessero rifilando la arcinota favola di Chi sapevo per certo essere morto in Croce, ma che veniva raccontato fosse invece morto di freddo.
Rileggo ora il ritaglio di giornale, con il senno del poi, e sempre più mi convinco del fatto che, questo mio povero ed amato Paese, sia quanto mai attaccato dai pescecani dall’esterno e preda dei parassiti dall’interno. Non so sotto chi per primo soccomberà e se finirà così, ma di certo i parassiti continueranno a rodere la carcassa del cadavere anche dopo la morte. Io però ho fede, credo, credo ai miracoli, alla vita ed alla resurrezione, amen.
Mi sembra altresì utile riportare qui di seguito, le parti più salienti del citato articolo:

 

 
Se la “tassa sulle rendite” fa felici i Paperoni

Già il nome è sbagliato: “tassazione sulle rendite finanziarie”. […] così denominato e varato dal governo […] colpirà con un’aliquota salita dal 20% al 26% conti correnti, depositi, dividendi e capital gain su azioni e obbligazioni, quote di fondi comuni, gestioni patrimoniali, prodotti assicurativi, ecc…
Tutti questi sono “investimenti finanziari” degli italiani e non “rendite”; […] Ma l’errore di definizione, di per sé, è poca cosa. Il vero rischio che corre […] Palazzo Chigi è di pensare che con l’innalzamento dell’aliquota si colpiscano finalmente i grandi patrimoni dei Paperoni.Che invece, se sono ancora in Italia, restano ben al sicuro dietro lo schermo di meccanismi sofisticati quali i “trust” e le “fondazioni”[…]
Immaginiamo che i risparmi di una vita di un lavoratore (100.000 euro) siano investiti in un portafoglio così compreso: 30.000 euro in Btp, 35.000 in obbligazioni, 15.000 in liquidità e 20.000 in azioni. Applichiamo la nuova aliquota del 26% e arriviamo a 1.550,21 euro di tasse sulle “rendite”. Ma il conto per il piccolo risparmiatore non è finito perché vanno aggiunti 50 euro di deposito titoli, 200 euro di imposta di bollo ed altri 20 euro della Tobin Tax introdotta a inizio del 2013 e non ancora armonizzata con il resto d’Europa (io la chiamo la “tassa sulle perdite”). A conti fatti […] le spese totali su un patrimonio di 100.000 euro saranno di ben 1.820,21 euro, vanificando almeno un terzo del bonus fiscale che l’investitore riceverà come lavoratore dipendente. […] i lavoratori già tassati alla fonte, lo saranno ancor di più nella loro veste di risparmiatori […] 38 milioni di italiani pagheranno più tasse solo perché hanno un conto in banca.

 
Voce di colui che grida nel deserto, ma, anche se pochi, qualcuno ascolterà…

 
“… alla fin fine, nelle mani dei potenti la giustizia non è che uno strumento di governo come gli altri. Perché la chiamano giustizia? Diciamo piuttosto l’ingiustizia, ma calcolata, efficace, basata intieramente sull’esperienza spaventosa della resistenza del debole, della sua capacità di sofferenza, d’umiliazione e di sventura. L’ingiustizia mantenuta al grado esatto di tensione che occorre, perché gli ingranaggi dell’immensa macchina per fabbricare i ricchi girino senza che la caldaia scoppi.”

[Georges Bernanos, “Diario di un curato di campagna“]

Lumachina


Essere forti

“viva l’Italia” 

“E ricordiamoci che gli statuti, gli ordini politici, le leggi, son cose gettate al vento, finché gli uomini che se ne debbon giovare non sono migliori.
L’Europa, la società, le popolazioni, i governi, i capi delle nazioni, non vengon ora a fine di nulla; e sa il perché? Perché uno per uno tutti si val poco.”

[Massimo D’Azeglio, “I miei ricordi“]

“Essere buoni non significa essere deboli”. Era il titolo di un tema a svolgimento libero, che un professore ci aveva assegnato a scuola, anni fa. Ricordo le note lusinghiere, con le quali aveva elogiato in classe ciò che io avevo scritto in merito. Oggigiorno le mie povere considerazioni personali, apparirebbero superate, forse… comunque non saprei; una cosa di certo aggiungerei a qualsivoglia concetto: e cioè, che essere deboli viene dall’essere stupidi.
A volte, anzi, spesse volte, si commettono errori. Dappertutto, sulla terra, l’umanità intera, per sua stessa indole, è immersa in una palude di errori. Sono gli errori piccoli o macroscopici, che si susseguono ed intrecciano, in un cerchio senza fine; errori singoli ed anche errori collettivi.

“E dove fu la gloria per aver preso Roma, per quei barbari impetuosi che si riversarono nel Senato e trovarono i Padri fondatori seduti in silenzio, impassibili innanzi al loro successo?”

[Robert Louis Stevenson, “Elogio dell’ozio“]

Il primo e più esplicito biglietto da visita di una nazione od unione di nazioni e di tutto un popolo ovunque disperso, di fronte al resto del mondo, è la sua carta costituzionale ovvero, l’insieme di norme in virtù delle quali esso esiste e funziona e che lo rappresentano nell’universo; ciò è basilare, poiché come recita il proverbio, “è la regola che regge il convento” .
E sono proprio i primi articoli di tale documento, i più importanti e fondanti di tutto il resto di norme in esso contemplate, questi e non altro, non i nomi di importanti aziende nazionali ovvero di tutto ciò che prima o poi passerà. Sono quei “segnali”, che gli uomini da essi rappresentati, inviano al mondo intero ed a se stessi, affinchè si sappia di che pasta sono fatti.
Come sigilli duraturi, da cui prescindere non è possibile, imprimono la loro cifra di civiltà alla vita di tutti i cittadini, ora e per sempre, per il loro bene. Tutti sono portati a leggerli, non potendo sfuggire neppure ad uno sguardo sommario e superficiale, ed un errore nella fase di elaborazione di questa parte del documento costituzionale, condizionerebbe il significato degli articoli seguenti e di tutta la sua comprensione in assoluto.

“Errori furono commessi dentro e fuori le mura di Troia.”

[Orazio]

Ho voluto scrivere questa introduzione, ad un articolo che vorrei di seguito riportare, nelle sue parti salienti. Era pubblicato all’interno di un periodico ad indirizzo religioso; l’unico in cui mi sia riuscito di trovare certe notizie a riguardo dell’argomento in esso trattato e cioè, sulla vera origine della bandiera dell’Unione Europea e del suo simbolo: le dodici stelle in circolo. Le cose che dice sono davvero illuminanti ed invitano, senza toni arroganti e faziosi, alla riflessione sugli errori che si compiono ad ogni livello ed anche, a quanto questi errori si dovranno, presto o tardi, pagare cari, da parte di tutti noi; oggi più che mai evidente.

L’origine della bandiera europea

Le 12 stelle della bandiera europea: “Il sito ufficiale della Comunità Europea nasconde l’origine cristiana del simbolo”. Quelle dodici stelle […] sono legate al culto della Vergine Maria e svincolate dal numero degli Stati aderenti. A sostegno di tutto ciò c’è la vera storia di quella bandiera blu e delle dodici stelle dorate che sui siti ufficiali si guardano bene dal raccontare. Il concorso di idee per il nuovo vessillo fu vinto, nel 1950, da un pittore non molto conosciuto: Arsène Heits.
Lo spunto per il bozzetto […] gli venne dalla “Medaglia Miracolosa” che portava al collo. Un’immagine coniata dopo l’apparizione della Madonna a Catherine Labouré nel 1830. Proprio in quella circostanza la Vergine indicò di rappresentare sulla medaglia le dodici stelle della corona posta sul capo della donna dell’Apocalisse, e Bernadette Soubirous portava la “Medaglia Miracolosa” legata al collo con uno spago l’11 febbraio 1858, quando le apparve per la prima volta la Signora vestita di bianco e di blu. Questi due colori colpirono il presidente della commissione che doveva scegliere la bandiera dell’Europa, l’ebreo belga Paul M.G. Levy, che, probabilmente, vide in essi i colori dello Stato d’Israele, da poco nato. Arsène Heits non svelò la provenienza biblica del simbolo, ma lo ammise solo in seguito.
Il numero dodici compare ripetutamente nell’Antico e nel Nuovo Testamento. Dodici erano i figli di Giacobbe, le tribù d’Israele, gli apostoli di Gesù, le porte della Gerusalemme celeste, le edicole dell’antica basilica lateranense cattedrale di Roma, San Giovanni.
La bandiera fu adottata dalle istituzioni europee nel 1955 in una cerimonia che si svolse l’8 dicembre: festa dell’Immacolata Concezione. E nel 1985 il vessillo fu fatto proprio da tutti i capi di stato e di governo dell’Unione Europea, e da allora ne divenne l’emblema ufficiale.
Peccato che tutto questo non sia scritto nel sito ufficiale. E allora si capisce che la rimozione delle radici giudaico-cristiane nel preambolo della Costituzione Europea ha origini che vengono da lontano.

Carlo Baroni

“…E’, no, la guerra in fondo
non è cosa civile:
d’incivilire il mondo
il genio mercantile
s’è addossata la bega:
Marte ha messo bottega.”

[G. Giusti]bandiera europea